In un’epoca in cui l’estetica non vede frontiere c’è una nicchia di mercato sempre più consapevole; si tratta dell’Estetica Eubiotica.

Cos’è? Una corrente new age di poca durata? Una trovata di marketing?

Niente di tutto questo! L’estetica Eubiotica è una vera e propria scienza, che tiene conto della fisiologia dell’individuo, nella sua totalità e in tutte le sue forme, dai delicati equilibri endocrini, alle abitudini alimentari.

Con l’estetica eubiotica, non si parlerà più di “inestetismo” ma di stile di vita, organismo, corpo che va ascoltato e quindi protetto.

La pelle non sarà più un mero tessuto di rivestimento ma un organo intelligente in grado di riconoscere ciò che viene applicato. Con l’estetica eubiotica si afferma un nuovo concetto di Ben-essere ampio, associato al Ben-apparire, siamo esseri unici e come tali andiamo trattati!

Non a caso la personalizzazione del trattamento è un punto cardine dell’eubioticaCosa nasconde un’acne? O il “perché mi ammazzo di palestra e ho la cellulite?”

Dall’estetica non possiamo aspettare miracoli ma possiamo mirare al cambiamento che noi stessi vogliamo! E il cambiamento, fidatevi, è possibile!
Ok Giulia, ma nella pratica perché dovrei credere che un cosmetico Eubiotico sia migliore di un siero della cljqwhpiej a € 250 preso in farmacia?!

Semplice, l’estetica eubiotica è una vera e propria evoluzione del prodotto naturale, che per ovvi motivi (anche solo di lavorazione) non può essere proposto in larga scala. Non è per la massa, per intenderci.

 

Nell’estetica eubiotica sono fondamentali dei concetti di benessere a 360 gradi e per questo è necessario che i cosmetici rispettino 3 pilastri:

  • Biocompatibilità, compresi gli eccipienti. Le formulazioni sono di sostanze analoghe all’organismo come costituenti, dunque collagene, elastina, vitamine, fosfolipidi, ceramidi, tutti al massimo della compatibilità cutanea
  • Assimilabili, dunque biologici, come nel nostro organismo.
  • Non enzimotossici, dunque non in contrasto con gli enzimi pre esistenti, e qui mi sento di fare una distinzione tra quelle sostanze nocive, che fortunatamente sono vietate per legge in Italia (la migliore in ambito di controllo qualità yeah) e innocue: come schiumogeni, tensioattivi, emulsionanti, cere, che sono presenti in gran parte di prodotti di largo consumo ma non definibili eubiotiche.

Con l’estetica eubiotica parliamo di Depurazione e Ristrutturazione ma soprattutto di Ri-Equilibrio, fondamentale in ogni sistema
Insomma l’eubiotica è vita, ed oggi abbiamo tutti gli strumenti necessari per non fermarci all’apparenza, ma fare in modo che la nostra bellezza non sia che il riflesso del nostro benessere!

Call Now Button